mercoledì 23 marzo 2011

Camilla Pistolesi: interview to a goldsmith-naturalist


Silver strings coiled like climbing plants on coulored gems, geometrical drawings that included, besides their simplicity, the beauty of a jewel which reminds me the Egiptian handycraft but in our time.
The first time I saw Camilla's jewels, they were laid on cobblestones, as they come up from a riverbed. Thus, I decided to visit the "Art" in Florence to meet this young jewel designer with a strong and determined behaviour and crazy about her job. She deserved all my admiration and I have the honour to introduce her to all of you.

Camilla Pistolesi
 
Camilla was born in Florence in 1978. Even though she has been endowed by nature with excellent ability and love for drawing and Arts, her studies, a little bit forced by her parents, were classics until the achievement of psycology degree on February 2003. During the post-degree apprenticeship, the fracture of a leg (November 2004) also entiled the breaking of a route which she didn't feel inside no more, converting her manual and creative talents into professional activity. At first, she devoted herself to the realization of lamps with ecologic papers and recycling materials, (July 2005), then, on Jenuary 2006, she decided to keep going a family tradition on precious metals: as the matter of fact, her mother was the owner of a goldsmith handicraft company established from her grandfather on postwar period; her father was a goldsmith for over 40 years and today he's retired. Thus, she started to work side by side with her father who taught her the basic techniques. That work aroused her interest very much and it gave to her the chance to express her creativity. On June 2008, she attended a 300 hour course which conferred a certificate of professional specialization on gemmology and setting (December 2008). There, she had the opportunity to meet many people envolved on goldsmith's art and see a different possibility of application of jewels. Thanks to that school's contacts, she discovered international competitions, so, she partecipated to the modern jewelry competition at the Art Gallery on Legnica (Poland):
The 19th International Silverart Competition "MINIMUM" on March 2010 and now she's ready to partecipate at the 2011 edition with the title "SEXY".
From the desire and the need of a further development of her activity, on Jenuary 2010, she opened an individual company. She sold her creations on selected handicraft markets and partecipated to the "Mostra internazionale dell'artigianato" (International handicraft exhibition) , which took place every year inside Da Basso's Fortress "ART2010" and it's composed from research and design handicraft.

On her route as jewel designer and maker, she was interested in jewelry ethic aspects and in environmental damages derived from the use of these products. For these reasons, another key points of her activity were the tenability and the respect for Nature through the realization of products with recycled materials and techniques which don't use or use in minimum quantities chemical products.

INTERVIEW

What inspires you when you make a jewel?

In my jewel production, I have a romantic side, inspired by Nature, and a geometrical side. In both cases, my ideas are instinctive and they materialize little by little during the productive project.Thus , in some cases, it's the direct manipulation of metal that brings me to the instantaneous execution of an object, the thought born and takes form on workbench or through a route which from the drawing comes to the realization. The common denominators are semplicity and balance of the form.

What is the procedure to carry out a jewel?
The procedure is very simple. The idea, drawn or thought, is the starting point. Then, it's me sat in my workbench and... voilà! Generally, manual manifacturing starts from semifinished products, that is thread and sheets, worked by various techniques (tracery, welding, embossing and chisel). Only if necessary, I start from metal fusion. When the object is finished, it must be polished. The trimming is very important because it gives to the object delicacy and quality.

What kind of materials do you use and why?
The metal I use is almost exclusive Silver. In some cases, I couple it with bronze or copper and brass. I choose silver because of the utilization of a noble metal which, somehow, increases my own work and also because of the facility to find it, given that my mother was the owner of a silversmith's.

How much do you learn from your studies and how much from your father?
Even though studies were a very important experience, for sure, in my work, my father's experience was fundamental as well as home environment devoted to Art was a key point, and particularly my grandfather (a painter) who, in some way, handed down to me this bent on beauty.

What kind of jewel do you like to realize?
I love bracelets and necklaces, even if, being more expensive objects, they are the ones I sell less!

Are you inspired by some designer?
I must confess I don't know any designer...nor I'm informed about fashion and stuff like that... the only magazines I occasionally turn over the pages are "D di Repubblica" and "Elle Decor", to which my brother is subscribed. At home I have neither television nor computer and I prefer to stay in the open air, actually I live in the country, or read.

Did your studies in psicology help you in this work?
I'd say not so much, moreover, they haven't changed my reservedness, so, it made me not very prone to public relations, marketing or strategy of sale. But this rends me very honest!!

You exhibited your works at "ART2010" and also this year you'll take part on it. How was this experience?
It was a very important and formative experience for what concern the presentation of my works. After having overcome the initial shock from a rude works manager (a qualified architect), me, a person who, before this, has only exhibited in little markets, I have learnt to accept and welcome all her advices and this helped me very much to improve my habitual exposition.

I read you take a turn in many Tuscany little markets, is it a good way to introduce yourself? and do you like this way to exhibite?
I should say that I like it because it's a point of contacts with great craftsmen and good friends. But I should also say it's too strenuous. For this, I'd like to have got a workshop that looks like a point of sale.

Would you like to open a shop, entirely yours, to exhibite your creations?
I'd like a workshop with a shop-window. For this goal I must say that I'm on halfway: I've just known to be admitted on the list for the grant of a place inside "SPAZIOSAM" in Florence, that is an old and restored ex-monastery where the municipality are assigned workshops for some craftsmen.

Did you ever export or just think to export your art in foreign countries?
I'd like it so much, but even though I'm an enterpreneur, I don't feel it inside. I feel to be a simple craftswoman, certainly more creative then a common craftsman but I'm always alone on making all the works this job needs like: see to the exposition; photograph objects and retouch them; create graphics for the future website, etc. So, I'm too tired for these collateral works that I've no possibility to do or just to think it.

You are an enterpreneur, do State or Region help young people like you to introduce themselves and to work on one's own?
Unfortunately, I didn't find any sort of help from State and Region. It exists in Florence a counter called "incubatore" theorically put in charge of helping the birth of new companies but it did not give to me no help at all! I'd say, I was disappointed.

Given your love for observance of Nature, how would you like to be your art?
I'd like to realize entirely moral and ecological objects and transmit these values to people. For this, I must still work! It's not easy to preview how the future of italian economic setting will be.

What are your fears and hopes for the future of your job?
Fears are enormous and every year I have my crisis period: I ask myself if it isn't worth it... the point is that I'm not able to imagine a different working life and after all, I'm a dreamer, I can't give up!

Did you ever have some strange requests of personalized objects?
I received many requests of personalized objects, but not so strange! Indeed, the good thing is that when someone asks me objects on commission, they trust to my taste and they give me only indefinite instructions.

How do you overcome crisis moments and who helps you?
Till now, I never had creative crisis. I have three notebooks where I note down ideas with some sketches. For now, I've never been able to realize them all!

What do you suggest to who wants to enter upon your same way?
You need too much passion and courage!!


If you go round markets and you find a nice girl with wonderful jewels, stop and admire how Art and Nature together could enrapture your mind. You don't regret my advice.

Good luck, Camilla.
Sonia.

Translation by Denise Cinquerrui.

















Contact:
e-mail: kamillaps@yahoo.com

facebook: Gioielli di Camilla
 


lunedì 7 marzo 2011

Camilla Pistolesi: intervista ad un'orafa naturalista


Fili d'argento che si attorcigliano come rampicanti su gemme colorate, disegni geometrici che racchiudono, nella loro semplicità, la bellezza di un monile che mi ricorda  l'artigianato egiziano, trasposto però ai tempi nostri.
Adagiati su ciottoli, come se nascessero dal letto di un fiume, ecco sotto quale cornice ho visto per la prima volta i gioielli di Camilla. Ho così deciso di andare all'ART di Firenze per conoscere questa giovane designer di gioielli, dal carattere forte e deciso e innamorata del suo lavoro.
Ha meritato tutta la mia ammirazione ed ho l'onore di farla conoscere anche a voi.

Camilla Pistolesi
Camilla nasce a Firenze nel 1978. Seppur dotata di abilità e amore per il disegno e l’arte, il percorso di studi, più o meno indirizzato dai genitori, è stato di tipo classico e l'ha portata alla Laurea in Psicologia (febbraio 2003).
Durante il tirocinio post-laurea, la rottura di una gamba (novembre2004), ha comportato anche alla rottura di un percorso che non sentiva più suo, decidendo così di trasformare le attitudini creative e manuali, già da tempo intraprese in modo amatoriale, in attività professionale.
Dapprima si impegna nella realizzazione di lampade con carta ecologica e materiale plastico di riciclo.(luglio 2005).
Poco dopo (gennaio 2006) la possibilità di imparare un mestiere in famiglia la conduce a proseguire, seppure ‘a modo suo’, una tradizione familiare nel campo dei metalli preziosi (dalla tradizione all’innovazione): la madre è stata titolare di una ditta artigiana orafo-argenteria, avviata dal nonno nel dopoguerra; il padre è orafo da oltre quarant’anni e ormai in pensione.
Inizia dunque a lavorare a fianco del padre, che le insegna le tecniche di base.
Questo lavoro la appassiona da subito e le da finalmente la possibilità di esprimere la sua creatività.
Nel giugno 2008 frequenta un corso di trecento ore, finalizzato al rilascio dell’attestato di specializzazione professionale in gemmologia e incassatura (dicembre 2008).
La frequentazione del corso gli da modo di incontrare più persone impegnate nel settore dell’oreficeria e la apre verso diverse possibilità di applicazione del gioiello nel panorama del gioiello di ricerca e di design.
Tramite i contatti con la scuola scopre i concorsi internazionali ai quali partecipa, concorsi di gioielleria moderna presso La Galleria d’arte a Legnica in Polonia:
Oggi si accinge a partecipare all’edizione 2011 dal titolo “SEXY”.
Dal desiderio e dalla necessità di un ulteriore sviluppo della sua attività, in gennaio 2010, decide di aprire ditta individuale.
Vende le sue creazioni in mercatini di artigianato selezionati e partecipa alla Mostra internazionale dell’Artigianato che si tiene ogni anno alla Fortezza da Basso ‘ART2010’ all’interno del progetto VISIONI, artigianato di ricerca e di design, alla quale parteciperà anche quest’anno.
Nel suo percorso come designer e creatrice di gioielli si interessa agli aspetti etici della gioielleria ed ai danni ambientali derivanti dall'uso di questi prodotti.
Per questo, un altro punto fondamentale della sua attività sono la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente attraverso la realizzazione di prodotti con materiali riciclati e impiegando tecniche che consentono di non usare, o utilizzare al minimo, prodotti chimici.

Intervista

A cosa ti ispiri quando crei un gioiello?
Nella mia produzione di gioielli ho un lato più romantico, ispirato alla natura, e uno più geometrico. In entrambi i casi spesso è la forma che segue alla lavorazione in una sorta di espressività istintiva, in cui l’idea si struttura poco a poco durante il processo produttivo. Per cui, in alcuni casi è la manipolazione diretta del metallo che mi porta alla realizzazione istantanea di un oggetto, seduta al banco da lavoro l’idea nasce e prende forma all’istante. Oppure l’idea si sviluppa attraverso un percorso che dal disegno giunge alla realizzazione. I denominatori comuni sono semplicità ed equilibrio nella forma.


Qual è l’iter che ti porta alla realizzazione di un gioiello?
L’iter è molto semplice.
L’idea, sia disegnata che mentale, è comunque il punto di partenza. Poi ci sono io seduta al mio banco da orafa.
Generalmente la lavorazione manuale parte dai semilavorati, cioè filo e lastra, lavorati poi con varie tecniche (traforo, saldatura, sbalzo, cesello). Solo in caso di necessità parto dalla fusione del metallo. Quando l’oggetto è finito deve essere lucidato (pulimentatura). Molto importante è la rifinitura dell’oggetto, che dona all’oggetto un’ aspetto di delicatezza e qualità.


Che materiali usi e perché?
Il metallo che uso è quasi esclusivamente l’argento. In alcuni casi lo abbino al bronzo, oppure al rame e ottone. La scelta dell’argento deriva da più necessità e occasioni. Essenzialmente in l’esigenza di utilizzare un metallo nobile, che in qualche modo valorizzi il lavoro stesso, che richiede notevoli capacità manuali e tempo. Diciamo che la scelta è stata agevolata dall’occasione di trovare nella famiglia la facilità a reperire il materiale, essendo stata mia madre titolare di una ditta di argenteria.

Quanto ti ha insegnato il tuo percorso di studi e quanto l’esperienza di tuo padre?
Sebbene il percorso di studi sia stato un’esperienza molto importante, certamente nel mio lavoro l’esperienza di mio padre è stata fondamentale, così come credo che fondamentale sia stato l’ambiente familiare dedicato all’arte, in particolare mio nonno (pittore), che in qualche modo mi ha trasmesso questa disposizione alla bellezza.


Quale monile ti piace di più realizzare?
Adoro realizzare bracciali e collane! Anche se, essendo oggetti generalmente più costosi, sono anche quelli che vendo in minor numero!

C’è qualche designer al quale ti ispiri?
Devo confessare che non conosco designer … né sono informata su moda o cose simili..
Le uniche riviste che sfoglio occasionalmente sono D di Repubblica ed ELLE DECOR, a cui mio fratello è abbonato. A casa non ho televisione né computer e preferisco stare all’aperto (abito in campagna) o leggere.

Ti sono serviti, in questo lavoro i tuoi studi di psicologia?
Direi non molto, oltretutto poco hanno cambiato il mio carattere piuttosto riservato e poco incline alle relazioni pubbliche, nonché al marketing e strategie di vendita.
Questo mi permette di essere molto sincera!


Hai esposto all’ “ART 2010” e parteciperai anche quest’anno, com’è stata quest’esperienza?
E’ stata un’esperienza importante e formativa per tutto quell’aspetto che riguarda la presentazione dei miei lavori.
Superato lo shock iniziale che può creare una direttrice dei lavori (un architetto specializzato) sgarbata, a una persona che aveva esposto solo nei mercatini, ho saputo accettato e accolto i suggerimenti di una persona che per lavoro è abituata a curare nel dettaglio l’immagine d'insieme. Mi ha aiutata a migliorare moltissimo la mia abituale esposizione.


Ho letto che vai in giro nei diversi mercatini della Toscana, è un buon modo di farsi conoscere? Ti piace questo modo di esporre?
Devo dire che mi piace, perché è motivo di incontro con molti bravi artigiani e ottimi amici. Ma devo anche dire che è molto stancante. Per questo mi piacerebbe avere un laboratorio che si avvicinasse più a un punto vendita.


Vorresti aprire un negozio tutto tuo per esporre le tue creazioni?
Mi piacerebbe un laboratorio con vetrina tutto mio. Per questo obbiettivo si può dire che sia a metà strada: ho da poco saputo di essere stata ammessa nella graduatoria per l’assegnazione di uno spazio all’interno dello SPAZIO SAM a Firenze, ovvero un ex-convento ristrutturato con molti laboratori per artigiani che il comune sta assegnando a vari artigiani.


Hai mai esportato o pensato di esportare la tua arte all’estero?
Mi piacerebbe davvero, ma pur essendo un’imprenditrice, non mi sento tale. Mi sento una semplice artigiana, sicuramente più creativa della comune figura dell’artigiano e, trovandomi sempre a fare tutto da sola (curare l’esposizione, fare le foto agli oggetti e ritoccarle, grafica di un eventuale futuro sito, etc), sono in difficoltà e spesso affaticata dalle attività collaterali, che a volte sembrano purtroppo, essere più importanti del creare stesso.

Sei un’imprenditrice, lo stato o la regione aiuta giovani come te che hanno voglia di farsi conoscere e di mettersi in proprio?
Purtroppo non ho trovato alcun tipo di aiuto da parte di stato o regione. C’è a Firenze uno sportello, che si chiama ‘incubatore’, teoricamente preposto appositamente per aiutare le nuove imprese a nascere.
Non mi hanno dato nessun tipo di aiuto! Devo dire che sono rimasta anche un po’ delusa.


L’amore per il rispetto della natura dove vorresti che conducesse la tua arte?
Vorrei riuscire a realizzare oggetti completamente etici ed ecologici e riuscire a trasmettere questi valori alle persone. Per questo devo ancora lavorare un po’! Non è semplice prevedere come sarà il domani nella scena economica italiana.

Quali sono i tuoi timori o le tue speranze per il futuro della tua attività?
I timori sono colossali e ogni anno ho il mio periodo di crisi: ne vale veramente la pena? Il punto è che non riesco a concepire una vita lavorativa diversa e in fondo sono una sognatrice, non posso rinunciare!!

Hai mai avuto strane richieste di oggetti personalizzati?
Ho ricevuto richieste di oggetti personalizzati, ma non strane! Anzi la cosa bella è che quando mi chiedono oggetti su commissione le persone si affidano molto al mio gusto e mi danno solo vaghe (molto vaghe!!) direttive.

Se ci sono momenti di crisi creativa, come li superi? Chi ti aiuta?
Devo dire che fino ad ora non avuto crisi creative.  Ho tre piccoli quaderni dove appunto le idee con degli schizzi. Per ora non sono mai riuscita a realizzarle tutte!

Cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere la tua stessa strada?
Ci vuole tanta PASSIONE e coraggio!!



Se andate per mercatini e trovate una simpatica ragazza con questi meravigliosi monili da mostrarvi, fermatevi e ammirate quanto l'arte e la natura insieme possano rapirvi.

Non vi pentirete del mio consiglio.
In bocca al lupo Camilla.
Sonia.










 
 
Potete contattare Camilla Pistolesi tramite: