lunedì 19 luglio 2010

Sebastiano Adernò: intervista ad un poeta

Di Sebastiano mi parla una mia amica e mi chiedo se davvero esistano ancora persone che si facciano rapire dalla poesia, se esiste ancora un animo tanto puro o tanto tormentato da rifugiarsi nei versi. 
Così, spinta dalla mia insaziabile curiosità, ho voglia di conoscerlo e una sera ci sentiamo al telefono e ... sorpresa! Io pensavo di trovarmi davanti un interlocutore siciliano e invece ho la sensazione di parlare con un "colletto bianco" lombardo! 
E' l'uomo giusto, adoro le storie insolite...

Sebastiano Adernò

Nasce ad Avola in provincia di Siracusa nel 1978. Dopo aver conseguito la Maturità Tecnica in Elettronica e Telecomunicazioni decise, sfidando l'ira di sua madre, di iscriversi alla Statale di Milano per dedicarsi alle discipline umanistiche. Non che non fosse un bravo Perito, anzi, essendo uno dei migliori dell'Istituto, la settimana seguente la pubblicazione dei risultati, fu chiamato per fare uno Stage in Germania. Ma il richiamo per l'Arte ebbe la meglio. Così iniziò il suo iter universitario nella Facoltà di Lettere Moderne a Milano. La cosa gli piacque così tanto che preso da una botta d'entusiasmo, superò tutti gli insegnamenti previsti dal suo corso di Laurea quadriennale in soli 3 anni.
Durante gli anni accademici collaborò come recensore letterario presso la rivista Fogli edita dalla casa editrice ARES di Milano. Intanto partecipava come spettatore alla movida poetica Milanese. Conobbe persone che avrebbe ritrovato anni dopo nel circolo virtuoso della poesia come Davide Brullo, Alberto Pellegatta, Tiziana Cera Rosco, Daniele Piccini.
Fare il recensore per Fogli, il cui direttore era l'illuminato Andrea Beolchi, fondatore della casa editrice Medusa, gli permise di avere tra le mani, ciò che di meglio si pubblicava di poesia in quegli anni nel capoluogo lombardo.
Ora di lui possiamo dire che sue  poesie sono apparse in antologie Lietocolle (Il Segreto delle Fragole, Verba Agrestia). E' presente sui  numeri (9/07 e 11/07) della rivista Arte-Incontro edita da Bocca. Inoltre ha pubblicato negli ebook Un fiore di parola e Poesia e monnezza creati dal multiblog viadellebelledonne.wordpress.com.  Nell'antologia Scrittura Amorosa a cura di FaraEditore. E' stato invitato a Benevento assieme agli altri finalisti del III Premio di poesia Gerardino Romano. Si è classificato terzo al Concorso Solaris organizzato da Edizioni Montag di Macerata.  E' stato premiato con una videopoesia al Premio di Poesia In/Civile organizzato dal Comune di San Giuliano Terme di Pisa. Inoltre sue poesie sono apparse  nelle prime cinque antologie legate all'iniziativa Istant-Anthology organizzata da Giulio Perrone Editore di Roma. Vincendo il concorso Pubblica con noi  indetto da Fara Editore ha pubblicato una silloge di trenta poesie dal titolo carminasincronici  nell'antologia “Storie e versi”. Che si è classificato primo al Premio “Ossi di Seppia” e terzo al Premio Fogazzaro.

Da dove nasce il tuo amore per la poesia?
Difficile identificarne l'origine, risalire la filiera sino agli anni dell'infanzia. Dico, cercando di meritarmi un poco di credibilità, che da bambino possedevo un mangiadischi dove mettevo dei 33 giri con le fiabe, la mia preferita era Barbablù. Ora qualcuno dice di aver inventato gli audiobook. Più che la Poesia, io amo l'animo umano. E sono arrivato ad esprimermi in versi, perché questa è sempre stata la forma deputata ad esternare e parlare dell'intimità dell'uomo, ciò che in modo limitante, in Occidente si chiama Anima.

Da cosa sei ispirato?
Da tutto ciò in grado di attirare la mia attenzione, tutto ciò capace di scalfire la mia corteccia prefrontale regalandomi un piccolo schock addizionale.

Oggigiorno è difficile mandare avanti una passione come la poesia in Italia?
Già, per due fondamentali motivi: il primo dovuto al fatto che la gente, e come gente intendo la massa poco pensante e troppo votante, non ha minimamente idea di cosa sia la poesia. Rimangono convinti che Leopardi fosse depresso, Pascoli incestuoso, Montale ermetico come i contenitori da frezeer. Il secondo è più materiale: la poesia non vende, ergo poco soldi, soldini, cash e grana.

Da che sentimento sei spinto quando scrivi?
Se fossi spinto da un sentimento, sarei un poeta mediocre come la maggior parte di quelli che riempe le tasche degli editori, convinti di essere persone brave e sensibili. La sfera emozionale è già parecchio deleteria nella vita, figuriamoci in poesia. I sentimenti sono da abolire, sono la cosa più retorica che esista, già nel pensarli. Hanno avuto così tanta decodificazione nella storia della cultura occidentale, da obbligarmi a non trattarli. Io, quando scrivo, sondo le parti più nobili della mia mente. Quelle più raffinate, inaccessibili per molti, lì dove nasce l'astrazione, la logica speculativa. E per far ciò necessito di grande concentrazione, devo essere molto presente; in quei meandri è facile perdersi, o venirne rigettati. Meditazione, non cavalloni emozionali.

Avresti mai pensato che da “grande” saresti diventato un poeta?
Certo, e ne sono ancora convinto; anzi adesso non mi accontento più di allora, e penso che da grande voglio diventare un grande, grandissimo poeta.
  
Sei nato in Sicilia ed hai vissuto per tanti anni in Lombardia, ma adesso sei tornato. TI senti più lombardo o più siciliano?
Diciamo che mi sento più io. Un uomo di mondo, che ha viaggiato per tutta Europa, letto moltissimo. Sono apolide, e me ne compiaccio. Ai bambini divorziati si chiede: vuoi più bene alla mamma o al papà. La risposta è: voglio più bene a me. Io, ad esempio mi sento profondamente radicato nell'Italia della Bellezza e della Padronanza Artistica. Amo la mia lingua, amo il lavoro degli uomini, che in tutte le ere, hanno lasciato traccia delle loro intelligenze. Sono italiano, almeno così c'è scritto nella mia Carta d'Identità.

Figlio d’arte o passione innata?
Figlio di Maestra e Panettiere. Uomo autodidatta. Di ciò che mi è stato insegnato conservo i diplomi. Tutto il resto l'ho imparato da me.

Dentro di te c’è il sacro fuoco dell’arte che ti consuma o i tuoi versi ti portano ad uno stato d’animo sereno?
Solo essere bravo in ciò che faccio mi rende sereno. Più che Sacro Fuoco, parlerei di irrequietezza cronica, bipolarismo, salto dell'ostacolo, salto dell'asta, hai presente le olimpiadi?  Se non avessi tensione, i miei affari sarebbero mosci. E oggi che neanche ad 85 anni si accetta di essere mosci, io che ne ho poco più di 30, espleto in pieno le mie abilità erettili, nella vita e in poesia.

Dove ti rifugi quando devi scrivere?
Sul treno a lunga percorrenza. Il treno mi concilia parecchio lo scrivere. So di avere 18 ore libere, così mi adopero.

Che cosa consiglieresti a chi vuol portare avanti il tuo sogno?
Intanto che non è un sogno. E a tutti faccio leggere “Lettere ad un giovane poeta” di Rilke.
Lì è spiegato bene questo mestiere, ed aiuta molto nell'autoanalisi dei motivi reali o apparenti per i quali uno decide di cimentarsi in un'attività completamente inutile e bistrattata come la poesia.


Mi rapisce il suo linguaggio ricercato e le sue risposte appassionate. Sono onorata di averlo conosciuto e di averlo pubblicato per farvelo conoscere! Adesso non posso far altro che lasciarvi alla sua poesia.



FORGIARE UN CREDO
 
il direttore del circo legiferava
e messe in morsa le tempie
con colpi di scalpello sul crinale
il nano, la notte, forgiava un credo
con cui praticare un millimetro
sull'asse di inclinazione terrestre
e risalire una treccia
scartando caramelle
ad ogni nodo



MIGRANTE

un primitivo controllo ai confini
fino all'ultima stazione dello sguardo
- la vista si perde -
del nulla è meglio non parlare, imprimere deriva alla memoria
e rinnovare il diritto alla sosta, sulla soglia
di ciò che non sappiamo
per giorni avremo la noia anticipata
e nei corpi un mosaico di cellule
chiuso e mortale, una collettiva
che scava al centro perpendicolare della fame
meglio non pensarci
mentre la notte trasborda
il nulla nel tempo orizzontale
e per l'acqua il mare da sotto svuota,
suggerisce, sterilizza i confini tra la sete
e i nomi sulle pietre levigate dalle lacrime
essere semina e falce
ci pare un'ingiusta benedizione
il mare è pieno di corpi
troppe eredità si contendono ogni notte un abisso
mentre perdura
il moto costante che ha reso la sabbia così fine
da restituire il tempo in quella clessidra
che scorre dal primo giorno
in cui fu coniata la parola naufragare
e che dire delle spinte dorsali, in voga di remare
fuori da questa spirale
che chiamano cattiva provvidenza
e ora che la paura scassa
come un chiodo che ha trovato la giusta vena
se toccheremo terra
prometto di sopportare
più del palmo della mano
il cielo a venire
e la sua elemosina di sereno



FILINONA

all'ora del filinona
tra l'impazzire delle cicale
l'eros sta sospeso nell'aria satura
gli ulivi, attraverso i miei polmoni,
respirano
la lucertola s’asciuga le ossa
e non c’è anfratto o costola dove nascondersi
dalle punte del ponente
che avanzato dall’Africa e rimosso il superfluo
sfronda il tuo sesso appeso ad un guscio di mandorla
perché io possa
colto e tolta la scorza, munto
e filtrata la fezza,
estrarne latte per le mie labbra



Potete contattare Sebastiano tramite:
Facebook: http://www.facebook.com/adranos
Sito Web:
http://adranos.wordpress.com/
Email:
sebastiano.aderno@gmail.com
MSN: adranoa@hotmail.com


 ____________________________________________________________

Sebastiano Adernò: interview to a poet

One day, a friend of mine has mentioned Sebastiano and I asked myself if ,in the world, still exist people who get themselves enrapture by poetry, if still exists a very pure and anguished spirit which seeks refuge in verses. Therefore, urged by my unquenchable curiosity, I need to meet him and an evening we rung up and... What a surprise!
I thought to find me in front of a Sicilian interlocutor, instead I felt the sensation of speaking with a Lombard "white-collar worker"!
He is the right man, I love unusual stories....

Sebastiano Adernò

He was born in Avola, in the province of Syracuse, in 1978. After getting a technique school-leaving certificate in Electronics and telecommunication, he decided, defying his mother's wrath, to enrolle to the Statale in Milan to apply himself to human studies.
Not as far as I know, he wasn't a bad estimator, quite the opposite, giving that he was one of the best students of the Institute, the week after the publication the exams' results, he was called to make a stage in Germany.
But the recall to Art prevails. So, he started with his University procedure in the faculty of Modern Art in Milan. The thing was so stimulating for him that, he got carried away by enthusiasm and he passed all the exams scheduled by his four-year course, in only just three years.
During his academic years, he cooperated as leterary critic at the Fogli's magazine, printed by the ARES' publishing house in Milan. Meanwhile, he partecipated as a witness of Milanese's poetics movida. There, he knew people whose he should meet some years later in the virtuoso poetry set like Davide Brullo, Alberto Pellegatta, Tiziana Cera Rosco and Daniele Piccini.
Becoming one of the Foglio's critics, whose director was the enlightned mind of Andrea Beolchi, founder of the MEDUSA's publishing house, he was able to have in his hands the best published poetical writings of these years in the Lombard chief town.
With reguard to him, we can say that , his poetical writings are appared in "Lietocolle" anthologies ("Il segreto delle fragole" and "Verba Agrestia"). He comes into sight om 9/07 and 11/07 issues of "Arte-Incontro" magazine, published by Bocca. Besides, he published on ebook "Un fiore di parola" and "Poesia e Monnezza" created by viadellebelledonne.wordpress.com's multiblog in the "Scrittura Amorosa" anthology, edited by Fara Editore.
He was invited in Benevento together with the other finalists of the 3rd Gerardino Romano's poetical prize and he came out third at the "Solaris" competition arranged by Edizioni Montag in Macerata. He has been given a prize at the "Premio di poesia In/Civile" organized by San Giuliano Terme's municipality, in the neighbourhood of Pisa.
Moreover, some of his poetical writings appeared on the first five anthologies connected to "Instant-Anthology" initiative, organized by Giulio Perrone  Editore in Rome. Winning also the "Pubblica con noi" competition, summoned by Fara Editore, he published a sylloge of 30 poetical writings entitled "Carminasincronici" in the "storie e Versi" anthology, which came out first to "Ossi di Seppia" prize and third to Forgazzaro's prize.

Q: Wher does your love for poetry originate?
A: It's difficult to determine its origine, being its birth could be dated back from my childhood. I just say, endeavouring to deserve a bit of reliability, that when I was child, I had got a portable record-player in which I put on a record of fairy-tales and my favourite was "Bluebeard". Now, someone asserts to have invented audiobooks! More than poetry, I love human's heart. It's for this reason I started to write verses, because this always has been the form af art capable to disclose and talk about human's intimacy, what it's called in the West, even though in a restrictive way, soul.

Q: What is your inspiration?
A: I'm inspired by everything capable to attract my attention, evrything capable to affect my prefrontal cortex and to give me a little additional shock.

Q: Nowadays, Is it hard to get ahead with a passion like poetry, in Italy?
A: Yes, of course it is.For two essential reasons: the first is due to the fact that people, and with people I intend the too few dull and too many voting mass, have not  idea at all of what poetry is. They persist with the belief that Leopardi was depressed, Pascoli was incestuous, Montale was hermetical like freezer cases. The second reasons is more material: poetry doesn't sell, thus it means no money, no cash.

Q: What is the feeling which urges you when you write?

A: If I am urged to a feeling, I was a second-rate poet like the most part which lines editor's pockets, sure to be great and sympathetic. The emotional range is already quite a bit harmful in our life, all the more reason in poetry.
Feelings have to be suppressed, they are the most rethorical flourishes existed, only just for thinking of them. They have been so much decoding in western culture history that this obliged me not to deal with them. When I write ,I plumb the most noble parts of my mind. The most sophisticated , unapproachable for many, they are there, when the abstract notions and the speculative logic rise up.
But to do this, I'm  in need of concentration, I have to be attentive; in these twists and turns, it's simple to lose oneself, or to be rejected. It's meditation, not emotional rollers.

Q: Did you ever think ,when you grow up, you should become a poet?
A: Of course, and I'm still convinced; actually, I'm never satisfied and I believe, when I grow up, that I will be a good, or better, a great poet.

Q: You born in Sicily but you lived for many years in Lombardy and now you come back to the isle. Do you feel more a Lombard or a Sicilian citizen?
A: I just say that I feel more "myself". A man of the world, who has travelled round all Europe, who has read very much. I'm stateless and I'm proud of it. Usually, one asks to children with separarted parents: Do you feel more affection for your father or your mother? And the answer is: I feel more affection for myself.
For example, I feel deeply rooted in that Italy of beauty and artistic commands.
I love my language, I love human's action which , in every age, left a trace of its cleverness. I'm Italian, at least my ID card shows this.

Q: Are you born into the profession or do you have an innate skill?
A: I'm the son of a teacher and a baker. I'm a self-taught person. I kept all the certificates of what others have taught me, as for the rest, I learnt it by myself.

Q: Inside of you, is there a shingles which wastes you away  or do your verses get you in a quiet state of mind?
A: I only feel quiet when I am proud of what I do. More than a shingles, I should speak about inverterate restlessness, bipolarism, a pole vault or a running jump; do you know Olimpic games?
If I have no stress, my business is flabby. And today, that neither a 85 year-old man accepts to be flabby, me, that I am little over thirteen, I perfectly perform my erectile competences, in life and in poetry.

Q: What is your shelter when you have to write?
A: On long distance covered trains. Trains induce me to write. I'm conscious to have 18 hours available, thus I make use my competences.

Q: What do you suggest to whom want to get ahead with your same dream?
A: First of all, it's not a dream. To that people, I make them read "Letters to a young poet" by Rilke. Here, he explains very well this kind of job and he helps you through the self-analysis about the real or apparent reasons for which one decides to measure in a totally pointless and berated occupation like poetry.


I was enraptured by his elaborate language and his passionate declarations. I feel honoured to have met him and to have published his interview in order to introduce him to you! Now there is anything else to do but let you abandon to his poetical writings...

Translation by Denise Cinquerrui.

3 commenti:

  1. "Più che Sacro Fuoco, parlerei di irrequietezza cronica, bipolarismo, salto dell'ostacolo, salto dell'asta..."

    Bravo Sebastiano :)

    Un saluto,
    Giovanni

    RispondiElimina
  2. la tua poesia mi lascia sempre senza fiato!!!
    migrante l'ho udita dalla tua voce e mi ha emozionata...mi conosci un pò per aver capito ke nn m piace fare troppe lusinghe alla gente...ma semplicemente sei uno degli animi più belli che la mia persona poteva incontrare nella sua passante esistenza...
    t abbraccio sociooooooooo2222222222

    RispondiElimina
  3. meravigliosa anche FILINONA....

    RispondiElimina